Isterosalpingografia

L’esame è sovrapponibile alla sonosalpingografia, ma richiede apparecchiatura radiologica, quindi viene eseguito nello studio radiologico. La procedura consiste nell’applicare un catetere uterino (catetere flessibile sterile monouso), ma si può utilizzare anche il catetere in acciaio (riutilizzabile previa sterilizzazione in autoclave). Iniettando un mezzo di contrasto, l’apparecchio a raggiX mette in evidenza la forma della cavità uterina ed il decorso delle tube. Se queste sono aperte, il liquido si spande in addome. Le immagini possono essere fissate su pellicola o supporto digitale e portate in visione a chiunque lo richieda. Se correttamente condotto, l’esame NON è doloroso! Solitamente è descritto un lieve dolore equiparabile a quello mestruale. Prima dell’esame è opportuno che si escludano possibili infezioni vaginali tramite l’allestimento di tamponi vaginali. Per maggior sicurezza, prima dell’esame, faccio praticare sempre una preparazione di copertura antibatterica con ovuli vaginali.

Per visualizzare l’esame in questo video